Bir Tawil: l’unico territorio non rivendicato al mondo

Creato da sandrine Nguefack

Tutti i continenti e in particolare l’Africa conoscono da secoli numerosi movimenti indipendentisti o lotte per il controllo delle risorse. Ogni lamentela è accompagnata dallo stesso sentimento: è nostra, è la nostra terra. Tutta le terre tranne Bir Tawil. Questo no man’s land è un deserto disseminato di rocce nell’Africa nord-orientale.

Bir Tawil è un caso unico al mondo

Da quasi 120 anni, Bir Tawil non è rivendicata da nessuna nazione al mondo. Questo pezzo di terra si trova tra l’Egitto a nord e il Sudan del Sud Nessuno dei due paesi sembra volerlo e non ci sono né abitanti né leggi.

Per capire meglio come si è presentata questa situazione unica al mondo, è necessario fare un ritorno nel passato coloniale.

Bir Tawil ha messo alla prova il colonialismo

Nel 1988, un accordo coloniale noto come Anglo Egyptian Condominium permise al Regno Unito e all’Egitto di governare il Sudan (e quello che in seguito divenne il Sud Sudan).

Bir TawilDal 1899, l’accordo stabilì un confine politico e decretò che il Sudan sarebbe stato classificato come qualsiasi terra “a sud del 22° parallelo di latitudine”. Il che, includeva Bir Tawil.

Intorno al 1902, cioè tre anni dopo, gli inglesi provarono di delimitare il confine tra Egitto e Sudan in base alla prevalenza delle tribù locali nella regione. Questo secondo “confine amministrativo” assegnò Bir Tawil all’Egitto, ma strappò anche il triangolo di Hala’ib nel nord-est del territorio e lo pose sotto il controllo britannico presente in Sudan.

Un tentativo non apprezzato dall’Egitto, soprattutto perché il triangolo di Hala’ib non era solo un pezzo di deserto. Si trovava sul Mar Rosso, fornendo accesso alla pesca e aveva anche un potenziale minerario.

Mentre l’Egitto decide di riconoscere il confine politico del 1899, il Sudan ha riconosciuto il confine amministrativo del 1902. Nessuno non era disposto ad accettare Bir Tawil poiché avrebbe minato le rispettive pretese su Hala’ib.

Terra libera e ambita

Cittadini del mondo, aspiranti capi di microstati, provano da qualche anno di appropriarsi quest’area di terra non reclamata.

Regno del Nord Sudan

Nel 2014, il cittadino statunitense Jeremiah Heaton completava il pericoloso viaggio di 14 ore dall’Egitto a Bir Tawil. Pianta saldamente una bandiera che aveva disegnato appositamente per l’occasione nel terreno sabbioso sotto i suoi piedi. Rivendicando Bir Tawil come un “monarchia sovrana” denominata Regno del Nord Sudan.

Heaton in seguito affermò che la sua volontà di stabilire lo stato nacque dal desiderio di sua figlia di sei anni di essere una principessa. Una richiesta che questo devoto padre ha cercato di soddisfare

Il regno di Dixit

Nel 2017, l’imprenditore IT indiano Syash Dixit ha tentato la stessa strada, piantando di nuovo la sua bandiera a Bir Tawil e designando sé stesso come Primo Ministro e suo padre come Presidente. Prima di celebrare l’occasione storica, seminò una manciata di semi di girasole.

Ma come ogni disputa territoriale convenzionale, Jeremiah Heaton il “re” non era d’accordo. Heaton e Dixit trasmessero i loro disaccordi su Twitter. Per poi decidere durante una discussione di unire le forze per le loro rivendicazioni territoriali e contro una potenziale minaccia sul regno.

Regno Mediae Terrae

È entrato in scena il professionista radiofonico russo Zhkharev, che ha affermato di essersi trasferito a Bir Tawil nel dicembre 2014 (subito dopo l’arrivo di Heaton). Accusava i suoi rivali di non aver mai abitato nel territorio.

Zhkharev annunciò di aver chiamato la terra Kingdom Mediae Terrae (o Terra di Mezzo) ispirandosi dell’ambientazione fantastica del “ Il Signore degli Anelli” di Tolkien e che, naturalmente, lui era il l’unico vero re

related articles

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"