Il rispetto è un fattore chiave nella rinascita africana

Creato da sandrine Nguefack
rispetto

Una delle abitudini culturali africane che riesce ancora a trascendere il tempo è il rispetto. Il rispetto per l’altro, conosciuto o meno, è assoluto. Si manifesta nel modo di parlare, mangiare, rispondere a domande o condividere un’opinione, nel modo in cui ci si riferisce a qualcuno o qualcosa.

Rispetto per l’universo e per gli altri esseri viventi

In Africa si cresce con la cultura del rispetto per tutti. I vivi, i morti, gli animali, le piante, le sculture ei manufatti, le credenze culturali. Tutti e tutto devono essere rispettati. Chi non comprende e non vive secondo la linea guida del rispetto in quanto specificata nelle sua cultura è considerato mal preparato dai genitori.

Rispetto per gli anziani

Il rispetto per gli anziani o gli antenati è in cima alla lista. Possiamo dire che il fondamento stesso delle tradizioni africane si basa sul passato e sul presente. Gli antenati ei vecchi sono i legami tra i due spazi temporali e quindi dobbiamo rispettarli. In molte comunità africane, gli antenati sono visti come messaggeri con i dèi o delle sorte di divinità. Gli anziani sono i guardiani della verità, della moralità. Attraverso le favole raccontate ai giovani, insegnano loro le virtù.

In segno di rispetto, è inappropriato guardare un anziano dritto negli occhi quando ci sta parlando. Parla per primo e se una persona più giovane desiderasse fare una domanda, dovrebbe parlare con il massimo rispetto e riverenza. Anche a tavola, i più grande di età vengono serviti per primi. Per molti, la mancanza di rispetto per gli anziani al di là della rabbia che può causare, potrebbe essere la fonte di una maledizione inespressa che nessuno può revocare.

Le persone che hanno autorità sono molto rispettate nelle discussioni e nelle interazioni sociali. Sebbene tutte le opinioni siano considerate alla fine dei dibattiti, sono gerarchizzate: dai più anziani ai più giovani o in base al ruolo nella comunità, come i capi e persino i capi spirituali, che sono considerati le voci di Dio. Anche tra fratelli, i più piccoli rispettano i più grandi in tutto, a cominciare da come vengono chiamati.

Inginocchiati in segno di rispetto

Inginocchiarsi è mostrare rispetto; questo gesto può essere compiuto in diversi modi. È prostrarsi, inchinarsi quando ci si riferisce o si designa qualcuno o qualcosa.

Gesti delle mani

indice

È considerato scortese o irrispettoso indicare qualcuno o qualcosa con il dito indice. Si consiglia di puntare con il mento, con il gomito o addirittura di allargare gli occhi per riferirsi ad esso.

Il palmo della mano all’insù

Quando si chiama qualcuno con la mano, il palmo dovrebbe essere rivolto verso il basso e le dita tirate verso l’interno. Se il palmo è rivolto verso l’alto, questa è un’estrema mancanza di rispetto.

Usa la mano destra per mangiare

Alcuni costumi attribuiscono importanza al modo di mangiare. Usiamo la mano destra per mangiare quando mangiamo con le nostre dita. È considerato impuro e abominevole usare la mano sinistra poiché questa mano è usata per compiti antigienici.

Ricevi con le mani giunte

Riceviamo un regalo le mani tese e giunte. È un segno di gratitudine. Usare una mano e soprattutto la mano sinistra per raccogliere qualcosa da qualcuno è considerato irrispettoso.

La rinascita del continente africano non può avvenire senza un certo ritorno alle fonti. La decadenza sociale che stiamo vivendo oggi mette in discussione la preparazione dei giovani alle pratiche culturali africane. Essere africano significa rispettare e chiedere rispetto anche agli altri. La cultura africana è tenuta in grande considerazione e tramandata di generazione in generazione.

related articles

 

Poiché le guerre cominciano nelle menti degli uomini, è nelle menti degli uomini che si devono costruire le difese della Pace.

DICHIARAZIONE UNESCO

Anche tu puoi far parte di questo progetto partecipando a creare un mondo sempre più multiculturale ed inclusivo.

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"