Il protesista John Amanam realizza protesi iperrealistiche

Creato da sandrine Nguefack
Il protesista John Amanam

Le cause di un’amputazione sono molteplici: incidenti, guerre di amputazioni congenite (mine antiuomo, punizioni corporali mediante amputazioni), malattie (L’OMS stima che, 40 al 70% delle amputazioni degli arti inferiori siano legate al diabete). Qualunque sia la causa, l’amputazione è psicologicamente vissuta molto male soprattutto all’inizio. Una situazione che rende essenziale l’uso delle protesi in mode temporanea o permanente. Nell’Africa subsahariana, purtroppo, le protesi sono ancora apparecchiature mediche che la maggior parte delle persone bisognose non può permettersi. È in questo contesto che il protesista John Amanam si è rivolto alla produzione di protesi alcuni anni fa, dopo che suo cugino perse le dita in un incidente.

La fonte di ispirazione di John Amanam

“rifletto ai modi in cui potevo aiutare come scultore e mi sono detto: dal momento che scolpisco esseri umani, perché non posso creare qualcosa che possa essere effettivamente utilizzato su un corpo umano?”

Attraverso la sua azienda, Immortal Cosmetic Art, lo scultore trentenne ha saputo soddisfare le esigenze degli amputati del continente fornendo loro protesi molto funzionali ed esteticamente adeguate. I suoi design innovativi fanno anche parte di un settore lavorativo in crescita con un impatto positivo sull’economia africana.

“Provano questa sensazione di disagio ogni volta che sono in mezzo ad altre persone. La vedo come una sfida. Se riuscissi a risolvere questo bisogno, sarebbe molto utile per alleviare questo trauma emotivo e la perdita di fiducia. Voglio che si sentano se stessi e integri.”

Esteticamente le sue creazioni sono realistiche; riflettono la carnagione degli abitanti dell’Africa subsahariana dove per molto tempo la maggior parte delle protesi erano generalmente di colore bianche o irrealistiche.

Una produzione meticolosa e artigianale

La protesi realizzato da John Amanam

La protesi realizzato da John Amanam

Per un risultato realistico, le sue protesi sono scolpite e dipinte a mano, in base alla morfologia del paziente. Riproduce a mano l’arto del corpo amputato (le orecchie, il naso, le braccia, le dita delle mani, dei piedi e persino le gambe. Usa materiali plastici molto speciali, a base di elastomeri della famiglia dei silossani, stampaggio in gesso e una miscela di colori corrispondente ad ogni tono della pelle.

“Raramente si trova persone con protesi di pelle nera. Voglio che questa esigenza venga soddisfatta in Africa. Voglio anche raggiungere i neri di tutto il mondo rendendo questo processo accessibile.

Il protesista John Amanam spera, aprire una fabbrica di protesi nella sua città natale di Akwa Ibom in Nigeria per renderle disponibili a livello internazionale

Le parti protesiche attualmente vendono per circa tra $ 111 e $ 688). Prezzi molto inferiori a quelli delle protesi importate.

 

Link esterno: Instagram

related articles

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"