La ribellione Zanj in Iraq nel IX secolo

Creato da sandrine Nguefack
ribellione Zanj

Il termine “Zanj” (a volte “Zinj”) è un nome collettivo che compare nei testi arabi medievali in riferimento agli africani. Nel califfato, la parola Zanj si riferiva solitamente agli africani ridotti in schiavitù. Un certo numero di proprietari terrieri di Bassora aveva portato migliaia di neri dell’Africa orientale (Zanj) nel sud dell’Iraq per prosciugare le saline all’est di Bassora. I proprietari terrieri sottoponevano gli Zanj, che generalmente non parlavano arabo, a lavori forzati e fornivano loro un minimo di sussistenza. Una situazione che, nell’869, contribuì ad alimentare la rivoluzione che oggi conosciamo nel nome “Ribellione Zanj”; una delle rivolte più storiche del mondo premoderno.

La nascita della ribellione Zanj

ribellione ZanjIn realtà ci furono tre ribellioni Zanj. Le prime due ribellioni non sono durate a lungo e le informazioni su di esse sono scarse. La terza ribellione è quella di cui gli studiosi hanno ricordato e scritto di più:

“Era nell’869 d.C. I lavoratori neri si dichiararono liberi e presero le armi contro il potere in atto. Furono sostenuti nelle loro affermazioni da persiani e arabi che ammettevano che ci fosse corruzione e ingiustizie nella loro società.”

La ribellione Zanj chiamata anche Thawrat al-Zanj fu una rivolta di massa nella regione circostante Bassora contro il califfato abbaside dall’869 all’883.

È stata variamente descritta come una “tipica guerra di classe” e la crescente spaccatura nelle condizioni di vita tra la classe dirigente e quella dei lavoratori ridotti in schiavitù. Secondo gli storici, fu anche un “movimento proletario basato sulla dottrina religiosa” poiché la ribellione fu guidata da un dissidente religioso contro il califfato abbaside.

La ribellione guidata da Ali ibn Muhammad

Nel settembre 869, la ribellione fu istigata e guidata da Ali ibn Muhammad, un misterioso leader carismatico di origine persiana che affermava di discendere da Ali, il quarto califfo, e Fāṭimah, la figlia di Muhammad, incitò neri e proletari arabi alla rivolta che causò tanti problemi alle autorità centrali per un periodo di 15 anni.

Ali ibn Muhammad e la sua banda di seguaci attaccarono le piantagioni dove lavoravano gli schiavi e ne liberarono migliaia. Promise che li avrebbe condotti alla vittoria, alla ricchezza e al potere. Ali ibn Muhammad promise che li avrebbe trattati con rispetto e dignità e che non li avrebbe mai traditi. L’offerta di ‘Alī fu ancora più allettante con l’adozione del Kharijite, una scuola di pensiero islamica che afferma che chiunque, anche un nero reso schiavo poteva essere eletto califfo.

Le forze di Zanj crebbero rapidamente in termini di dimensioni e potenza, assorbendo contingenti di neri ben addestrati che avevano disertato dagli eserciti califfali sconfitti, così come alcuni contadini scontenti.

Nell’ottobre 869 sconfissero una forza di Bassoran. Successivamente fu costruita una capitale Zanj nel nome di Mukhtārah (in arabo: l’eletto). I ribelli presero il controllo dell’Iraq meridionale nel giugno 870), un porto marittimo sul Golfo Persico, interrompendo le comunicazioni a Bassora, quindi conquistando Ahvāz nell’Iran sudoccidentale.

I ribelli usavano le paludi per condurre la guerriglia contro i loro nemici. Sconfissero diversi eserciti inviati dalle autorità locali a Bassora e respinto le forze califfali inviate per sottometterle da Samarra e Baghdad. Gli Zanj furono schiacciati solo quando il Califfato concentrò una notevole quantità del suo esercito e delle sue risorse, spingendo infine i ribelli nella loro capitale. Anche dopo l’assedio della capitale ribelle, gli eserciti califfali impiegarono due anni per sconfiggere la rivolta. Nell’agosto 883, rinforzato dalle truppe egiziane, al-Muwaffaq represse finalmente la ribellione, conquistando la città e tornando a Baghdad con la testa di ‘Alī.

La ribellione ha avuto un pesante tributo sul califfato. I danni all’economia, all’agricoltura e al commercio sono stati devastanti. Migliaia di persone hanno perso la vita, i sistemi di irrigazione sono stati distrutti e innumerevoli villaggi sono stati abbandonati. Anche grandi città come Bassora e Wasit furono prese e saccheggiate dai ribelli, lasciando gran parte della regione devastata e spopolata. Il califfato soffrì per la perdita di entrate e prestigio e si frammentò ulteriormente con dinastie regionali e un califfato rivale che salì per controllare gran parte del suo territorio, lasciando ai califfi abbasidi uno scarso potere reale oltre la capitale.

 

Fonti

Ghada H. Talhami, ‘The Zanj Rebellion Reconsidered’ in The International Journal of African Historical
Studies. 10(3), 1977, pp433-461. (p453).

related articles

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"