Il deserto del Sahara è nato 4000 anni fa

Creato da sandrine Nguefack
deserto del Sahara

Ogni ora, quasi 12.950.400 m2 di terre fertili si trasformano in deserto in tutto il mondo. Eppure, in epoca preistorica, il deserto era molto più piccolo. Dal nord-est dell’Egitto fino alla costa mediterranea. Attraverso l’Anatolia (Asia minore) fino alla Siria c’erano molte praterie. Il clima era semiarido e soggetto a periodi di siccità. Per saperne di più sulla nascita del deserto del Sahara nel 1999, gli scienziati dell’Istituto per la ricerca sul clima di Potsdam in Germania hanno dovuto effettuare una simulazione al computer del clima terrestre. Secondo le conclusioni della loro ricerca, il Sahara avrebbe subito un periodo di cambiamento climatico radicale intorno al 2000 a.C.

La nascita del deserto del Sahara

Secondo la loro scoperta, ci vollero quasi trecento anni affinché le basse praterie arbustive del Sahara si trasformassero nell’area desertica che conosciamo oggi. Le temperature sono aumentate rapidamente e le precipitazioni hanno gradualmente diminuito. Una situazione che ha distrutto molte culture antiche e ha spinto i popoli a migrare all’interno del continente e in altri continenti.

Secondo gli scienziati, la desertificazione del Sahara è uno dei cambiamenti climatici più spettacolari degli ultimi undicimila anni. I cambiamenti nell’orbita terrestre attorno al sole sono stati amplificati da un meccanismo di feedback climatico che ha causato alterazioni climatiche.

Intorno al 7000 a.C. d.C., l’inclinazione dell’asse terrestre era di 24,14 gradi; oggi sono 23,45 gradi. Oggi la Terra è più vicina al sole a gennaio. Novemila anni fa, il pianeta era più vicino al sole verso fine luglio.

Sulla base della loro analisi, possiamo dedurre che l’uso del suolo dai popoli non è stato un fattore significativo nella creazione del deserto del Sahara. Questa zono è semplicemente vittima del cambiamento climatico estremo.

Emerge anche dal loro studio che non sarebbe la prima volta nella storia dell’umanità che si verificano cambiamenti climatici così drastici. Casi simili nel Sahara (e nel deserto del Negev) sono stati datati anche a circa 130.000 anni fa in una ricerca separata nel 2007. Si ritiene che l’industria Khormusan del tardo Paleolitico della Valle del Nilo sia apparsa intorno al 30.000 a.C. durante un altro passaggio dalla prateria alla sabbia.

E se i luoghi in cui è emersa la civiltà fossero ora deserti?

È del tutto possibile che la civiltà sia emersa in questi deserti. Secondo i documenti scientifici, questi sono gli unici luoghi in cui le prove rimangono intatte o inalterate per millenni. I climi del deserto cambiano raramente e sono perfetti per preservare ad esempio i cadaveri. Le mummie finora scoperte sono state quindi protette dalle inondazioni, dagli incendi e dalle frane che sappiamo distruggono quasi tutto in un ciclo di cento anni.

Inoltre, la perdita di terreni agricoli a causa del crescente deserto potrebbe essere stata una delle ragioni per cui pensiamo che, le prime civiltà si svilupparono lungo le valli del Nilo, del Tigri e dell’Eufrate. Era un periodo noto come Oscillazione di Priora, un periodo secco compreso tra il 3200-2900 a.C. circa che segnò la fine di un lungo periodo climatico più umido e più caldo tra il 7000-3000 a.C. circa, chiamato l’ottimale climatico dell’Olocene.

Link esterni

Origin Of Sahara Desert

Sahara Desert Was Once Lush and Populated

related articles

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"