Alternative africane alla guerra in Ucraina

Creato da sandrine Nguefack
Alternative africane

Mesi dopo l’inizio della guerra in Ucraina, le famiglie di tutti i paesi del mondo stanno vivendo un aumento dei prezzi. È principalmente una crisi alimentare ed energetica. Gli alti prezzi di prodotti come grano, gas e petrolio pongono i problemi di dipendenza dei paesi di tutto il mondo. Il che ci porta a voler saperne di più sulle alternative africane.

Alternative africane al grano

Il grano, uno degli alimenti più consumati al mondo è prodotto principalmente dalla Russia e dall’Ucraina.
L’Africa, soprattutto l’Egitto, come gli altri paesi del mondo che dipendono dal grano si stanno adattando a questa realtà di cui non avevamo ancora misurato l’impatto prima d’ora. Nell’Africa subsahariana, la crisi ha reso il pubblico molto più ricettivo alle proposte dei panifici. In alternativa al frumento vengono progressivamente introdotte diverse farine.

In Camerun, ad esempio, il fornaio Guy Marcel Nganta fa il pane con patate dolci locali, manioca… Da quasi 13 anni fa baguette con patate dolci, manioca e farina di manioca a Yaoundé, la capitale politica del Camerun, altri legumi.
“Mi trovo molto bene con la farina locale”, dice Nganta. Perché se non può vendere la sua baguette più o meno costosa dei suoi concorrenti a causa di un prezzo fissato dallo Stato, almeno il loro costo di produzione è inferiore e quindi i suoi profitti sono maggiori.

L’Africa sarebbe una prova di soluzioni ai fabbisogni energetici europei

Le restrizioni alla Russia hanno permesso di rendersi conto che, proprio come il grano, petrolio e gas sono essenzialmente forniti da questo Paese dell’est al resto d’Europa.
Gli effetti della guerra in Ucraina si sentono anche alla pompa di benzina. I prezzi continuano a salire ogni giorno, costringendo molte persone ad andare in bicicletta, utilizzare i mezzi pubblici o passare a veicoli elettrici o ibridi. I prezzi della benzina purtroppo influiscono su quasi tutto il resto, come il costo del cibo.

Inoltre, per soddisfare il fabbisogno energetico e ridurre la propria dipendenza dalla Russia, alcuni paesi europei si stanno rivolgendo a paesi africani come la Nigeria e l’Algeria per il proprio fabbisogno di gas.

“L’Unione Europea corteggia il suo primo fornitore africano di gas naturale liquefatto. L’ambasciatore dell’UE in Nigeria, Samuela Isopi, insieme agli ambasciatori di Francia, Italia, Portogallo e Spagna hanno visitato lunedì la sede della NNPC e hanno incontrato la direzione dell’azienda. La visita arriva mentre l’Europa cerca di ridurre la sua dipendenza dal gas russo. Dopo Stati Uniti e Qatar, la Russia è stata nel 2021 il terzo fornitore europeo di gas naturale liquefatto. Gli inviati europei in Nigeria hanno quindi cercato di rafforzare la loro cooperazione nel settore energetico con la principale economia africana.” Fonte: articolo su Africanews del 12 aprile 2022

related articles

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"