Poliandria in Africa: l’esempio dei Bashilele in Congo

Creato da sandrine-Ehop
Poliandria

La poliandria non è un fenomeno sconosciuto alla cultura africana. In effetti, ci sono popoli che l’hanno praticata nel continente, in varia misura, come i Bashilele. I Bashilele (o Leele), noti anche come Usilele, sono un gruppo etnico bantu strettamente imparentato con il popolo Kuba nella Repubblica Democratica del Congo. Vivono tradizionalmente nella regione del fiume Kasai, ma dagli anni ’50 molti sono emigrati a Kinshasa

Il contesto sociale tra i Bashilele

I Bashilele vivono nel Kasai Occidental nella Repubblica Democratica del Congo. Oggi, ci sono quasi 400.000 Bashilele che vivono in villaggi di circa 100-1.500 persone organizzati per clan o classe. Le persone che appartengono alla stessa generazione sono chiamate Kumbu. Un Kumbu include persone nate entro un periodo di cinque anni. Ogni kumbu ha un nome specifico e ha uno spazio coltivabile e un tam-tam. Queste divisioni per classe consentono ai membri di riconoscersi durante le cerimonie e anche fuori dal villaggio. I membri di un Kumbu sono chiamati reciprocamente Mbayi o amici e spesso praticano uno sport di wrestling chiamato Mikata.

In questa comunità africana esistono diverse forme di matrimonio: il matrimonio monogamo e il matrimonio collettivo.

Poliandria tra i Bashilele

L’unità è essenziale tra i Lele per il tipo di poliandria praticata nel villaggio. I Lele chiamano una donna poliandra hohombe, o ngalababola, che significa “donna del villaggio”. Va notato che circa una donna Lele su dieci diventa una donna del villaggio. Il resto sono per lo più in matrimoni poligami.

L’antropologa Mary Douglas ha dato una profonda comprensione di chi è una donna del villaggio tra il popolo Lele. Secondo le sue analisi, il matrimonio collettivo tra i Bashilele è sorprendente nel modo in cui avviene.

Una giovane ragazza viene catturata con la forza, sedotta o portata via come rifugiata, o promessa sposa fin dall’infanzia.

Durante il processo di poliandria, la donna viene trattata con onore

Inizialmente è sposata con diversi uomini di un Kumbu che potrebbero o meno avere già altre mogli. Una volta fatto ciò, le è vietato svolgere qualsiasi attività femminile abituale per un lungo periodo che può durare fino a due anni. Durante questo periodo, i suoi futuri mariti si prendono interamente cura dei suoi bisogni; mangia il cibo inviato ai mariti dalle madri o dalle mogli Uomini e donne non mangiano insieme ma durante il viaggio di nozze la donna del villaggio può mangiare con i mariti. Questi uomini competono nei loro sforzi per sedurla.

Durante questo periodo dorme con un uomo diverso nella sua capanna ogni due notti, ma ogni uomo del kumbu ha il diritto di avere rapporti con lei durante il giorno.

Al termine di questi due anni che servono a raccogliere gli elementi per la dote della donna, gli uomini si presentano davanti al kumbu dei nonni paterni della ragazza.

Alla fine della luna di miele, le viene assegnato un numero limitato di mariti, a volte fino a cinque. Vive con questi uomini, cucina per loro e mantiene rapporti con loro a casa sua. Sebbene i suoi mariti possano chiedere il risarcimento a qualsiasi uomo che dorma con lei nella sua capanna, è disponibile per il resto del villaggio quando è lontana da casa.

Nel corso del tempo, la donna del villaggio ha il potere di eliminare i mariti dalla sua famiglia e può farlo fino a quando non ne ha due o tre. Questa iniziativa non sempre viene da lei. Ad esempio, un uomo litiga, o è geloso, o sposa una donna gelosa, e per questi o simili motivi porta le sue cose fuori di casa.

I Lele sono matrilineari

Il Bashilele è una società matriarcale. I figli appartengono alla famiglia della madre, anche se si conosce il padre. Un figlio del si chiama mwanababola, cioè figlio del villaggio perché appartiene a tutti gli uomini. Un bambino può avere uno o due papà se gli viene chiesto chi è il padre. Di solito sono uomini che sono stati padri sociali. Il clan nel suo insieme sarà responsabile del pagamento della dote delle future mogli per conto dei figli della moglie del clan.

La pratica della poliandria ha una funzione sociale in questa tribù. La donna collettiva deve organizzare la pace tra i membri del Kumbu, risolvere le controversie. Questa pratica era stata istituita in un’epoca in cui le donne erano carenti nella società bashilele e i giovani uomini di un Kumbu non potevano essere lasciati non sposati. D’altra parte, il matrimonio collettivo è accompagnato da una serie di divieti matrimoniali anche per le donne.

Questa è essenzialmente la pratica della poliandria tra i Bashilele e il contesto in cui si verifica.

related articles

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"