Colors of loveReciprocità |

Le trecce: una delle acconciature più condivise al mondo

Creato da sandrine Nguefack

Incredibile acconciatura di una donna che si crede, provenga dallo Zaire (RDC)  Quadro del 19° secolo

Le industrie di bellezza in continua evoluzione sembrano non avere alcun effetto sulle trecce. Questa forma d’arte è adatta alle donne e agli uomini, indipendentemente dal background sociale e razziale. La sua popolarità nel mondo risale dal 1900. Quasi tutte le donne, i bambini e la maggior parte degli uomini avevano i capelli intrecciati in un modo o nell’altro. Le trecce sono oggi profondamente radicate e radicate nella cultura popolare.

 

 

 

Storia delle trecce – Esplorazione delle radici ancestrali

Secondo i documenti storici, le trecce chiamate treccine risalgono al 3.500 a.C., come testimonia una pittura rupestre dell’età della pietra trovata nel Sahara in Africa.

Sebbene Internet abbia contribuito a diffonderle attraverso tutorial esplicativi dal 2005, abbiamo elencato  le regioni nel mondo che hanno più o meno la cultura delle trecce.

Regione Tipi di trecce Periodo
Egitto Trecce afro-box 3100 a.C.
Grecia Trecce aureolate 1° secolo
Amerindiani Pigtail braids V secolo
Europa Corona intrecciata 1066 – 1485.
Cina Treccia per scale 1644 – 1912
Caraibiche Treccine moderne 1970

 

Trecce come segno di identificazione

In molte tribù africane, le acconciature intrecciate erano un mezzo di identificazione. I motivi delle treccie e le acconciature indicavano la tribù, l’età, lo stato civile, la ricchezza, il potere e la religione di una persona. Ancora oggi in Africa l’intreccio dei capelli è un’arte sociale dove i più anziani e stagionati insegnano ai più giovani. Questa tradizione di legame è portata avanti per generazioni e si è rapidamente diffusa in tutto il mondo.

Alcuni esempi di trecce africana e il loro significato culturale

Corona intrecciata dal popolo Mangbetu del Congo

edamburu

Queste trecce di origine congolese sono conosciute con il nome di “edamburu”. Sono trecce sottili e intricate con una struttura impressionante. Hanno permesso di accentuare la tradizione dell’allungamento del cranio praticata dal popolo Mangbetu.

La cantante americana Beyoncé indossa questa acconciatura in “Black is King, una canzone in cui celebra le culture e le tradizioni africane.

Trecce Fulani

Le trecce -Gyonfo

Gyonfo

L’acconciatura chiamata Gyonfo è maestosa. È un’acconciatura tradizionale tramandata di generazione in generazione dalle donne Fulani. I Fulani sono un popolo tradizionalmente pastorale stabilito in tutta l’Africa occidentale e oltre la fascia sahelo-sahariana, per un totale di quindici paesi diversi.

È dotato di una grande mezzaluna che attraversa la sommità della testa (molto simile a un mohawk) realizzata intrecciando i capelli verso un pezzo di pelle. La corona intrecciata viene quindi decorata con cipree, perline e talvolta monete d’argento o d’ambra per scopi estetici.

Treccine

Tresses /Le trecce

Cornrows

Le treccine sono uno degli stili intrecciati africani più iconici e per una buona ragione. Oltre ad essere il primo tipo di treccia a cui si fa riferimento nella storia, le treccine sono anche molto popolari e resistono alla prova del tempo. Questa acconciatura sarebbe legata alla ricchezza, allo stato civile, alla parentela, alla religione e all’età.

 

related articles

 

Poiché le guerre cominciano nelle menti degli uomini, è nelle menti degli uomini che si devono costruire le difese della Pace.

DICHIARAZIONE UNESCO

Anche tu puoi far parte di questo progetto partecipando a creare un mondo sempre più multiculturale ed inclusivo.

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"