StoriaStoria d’africa |

Shajarat al-Durr, capo di una delle più potenti dinastie islamiche in Egitto

Creato da sandrine Nguefack
Shajar al-durr /Shajarat al-Durr

Si dice che il nome con cui era conosciuta, “Shajarat al-Durr” (“Albero delle perle”), sia stato ispirato dalla sua passione per il gioiello del mare. Era sicuramente una delle donne più potenti degli inizi 13° secolo. Prima sottomessa, divenne la moglie del re e salì al trono come imperatrice e fondò una delle più grandi e potenti dinastie islamiche in Egitto.

Shajarat Al-Durr catturata e ridotta in schiavitù

Secondo gli storici, molto probabilmente nacque nell’attuale Armenia in una famiglia di nomadi turchi Kipchak, noti ai cronisti medievali occidentali come “le bionde” e tra i quali le donne spesso occupavano uno status elevato. “Ho assistito in questo paese a una cosa straordinaria, ovvero il rispetto con cui le donne sono tenute da loro”, ricorda il viaggiatore del 14° secolo Ibn Battuta.

Al momento della nascita di Shajarat al-Durr, i mongoli stavano invadendo l’Asia occidentale, assorbendo alcune tribù e insediamenti Kipchak mentre ne spostavano e disperdevano altri. Alcuni furono catturati e venduti ad altri popoli, compresi gli Ayyubidi al potere in Egitto. Sultan Al-Malik al-Salih, fu infatti il ​​primo a portare un gran numero di kipchak al Cairo. Gli uomini divennero servitori militari, conosciuti come mamelucchi, mentre Shajarat al-Durr, come altre donne, entrò nell’harem del sultano.

Al-Makrisi, biografo, storico e poeta egiziano del XIV e XV secolo, scrive che il sultano

“L’amava così disperatamente che l’ha portata con sé nelle sue guerre, e non l’ha mai lasciata…”

Nel 1239 diede alla luce un figlio, Khalil, e nel 1240 Shajarat al-Durr e il sultano si sposarono, liberandola dalla servitù, ma il loro figlio morì in tenera età. Non ebbe mai altro figli.

La settima crociata e la morte del re 

Sultan Al-Malik al-Salih faceva molto affidamento su sua moglie, le cui radici kipchak aiutarono il sultano ayyubide a mobilitare le truppe mamelucche prima per mantenere il suo dominio immediato, l’Egitto, poi per espandere il dominio in Siria. È questa “sua capacità di consigliare suo marito su questioni di stato, comprese le campagne militari”, che ha attirato la maggior parte dell’attenzione su Shajarat al-Durr oggi, afferma la storica Mona Russell della East Carolina University. Un cronista siriano l’ha definita “la donna più astuta della sua epoca”.

La sua intuizione divenne ampiamente evidente nella primavera del 1249. Sultan al-Salih, in una campagna in Siria, apprese che gli eserciti della settima crociata, guidati da Luigi IX di Francia, stavano navigando verso l’Egitto, con l’obiettivo di sbarcare 1.800 navi e 50.000 uomini nella città di Damietta nel delta del Nilo. Shajarat al-Durr, in qualità di reggente al Cairo, inviò il comandante in capo di al-Salih, Fakhr al-Din, a Damietta mentre guidava i mamelucchi di guarnigione al Cairo.

Shajarat al-Durr, a capo dell’esercito in un impero islamico medievale

Quando Luigi IX e il suo imponente esercito sbarcarono a Damietta il 6 giugno 1249, accadde l’impensabile: la salute del Sultano peggiorò e morì. È naturale quindi che Shajarat chiami i due principali comandanti militari e escogiti un piano per governare l’impero in attesa del ritorno dalla Turchia del figlio maggiore Turan Shah, l’erede legittimo nato dal primo matrimonio del Sultano. Così, per quasi tre mesi, Shajarat al-Durr governò segretamente il sultanato. Sebbene Fakhr al-Din cadde in battaglia, le sue forze iniziarono a respingere i crociati. Turan Shah, l’erede al trono, arrivò in tempo per la sconfitta e la cattura di Luigi IX. Come successore di suo padre, Turan Shah iniziò presto a fare passi falsi. Si fidava solo di un certo numero di favoriti, che aveva portato con sé dalla [Siria], escludendo i mamelucchi.

Da signora della guerra alla sultana Shajarat al-Durr 

Ha chiesto a Shajarat al-Durr di consegnare sia il tesoro di suo padre che i suoi gioielli e perline di marca. La Sultana, allarmata, implorò la protezione dei Mamelucchi. Erano fin troppo felici di venire in suo aiuto, considerando i servizi che aveva reso allo stato in tempi molto difficili e il fatto che Turan Shah era “un principe universalmente odiato”: fu ucciso il 2 maggio 1250. Dopo la sua morte, i mamelucchi decisero che “le cariche di sultano e sovrano [d’Egitto] sarebbero state assunte da Shajarat al-Durr. Da questo periodo divenne capo dell’intero stato; a suo nome fu creato un timbro reale con la frase “madre di Khalil”, e il khutba (sermone del venerdì) venne pronunciato nel suo nome di Sultana del Cairo e di tutto l’Egitto. Uno dei suoi primi atti come Sultana fu quello di firmare un trattato con i Crociati che restituirono Damietta e riscattarono Luigi IX. Negoziò queste condizioni con la sua controparte francese, la regina Margherita di Provenza. Così, la settima crociata si concluse con la diplomazia di due regine, una musulmana e una cristiana.

Un governo evitato 

Non tutti la supportarono. L’obiezione più forte arrivò da Baghdad, dove il califfo Al-Musta’sim avrebbe detto:

“Abbiamo sentito che ora, siete governato da una donna. Se siete a corto di uomini in Egitto, fatelo sapere così possiamo mandarvi un uomo che vi governa”.

Consapevoli della portata dell’influenza abbaside, la Sultana e i suoi consiglieri sapevano di dover capitolare se volevano mantenere il controllo. Così, dopo 80 giorni di governo, Shajarat al-Durr si sposò e rinunciò formalmente al suo titolo a favore di Izz al-Din Aybek, un ufficiale mamelucco minore. Insistette affinché Aybek divorziasse dalla sua prima moglie, Umm ‘Ali. Così, per i successivi sette anni, “il potere di decisione e di amministrazione” rimase nelle sue mani. Firmava tutti i decreti reali, dispensava giustizia e impartiva ordini. Si impose anche culturalmente. Si dice che abbia istituito intrattenimenti notturni presso la Cittadella che prevedeva acrobazie con le fiaccole al ritmo della musica. La leggenda popolare le attribuisce anche la fondazione della tradizione del mahmal, un palanchino decorato sul dorso del cammello principale nella carovana egiziana di pellegrinaggio annuale alla Mecca, una tradizione che è sopravvissuta fino alla metà del XX secolo.

La sua caduta della Sultana 

Nel 1254 Aybek iniziò a stancarsi del suo ruolo nominale. Nel 1257, cercando di aumentare il suo potere, espresse l’intenzione di prendere una seconda moglie, figlia di un potente principe. Per Shajarat al-Durr, era un tradimento contro la regina e il sultanato. Aybek si trasferì in un padiglione vicino al campo del polo.

Il 12 aprile ricevette una convocazione di scuse da Shajarat al-Durr. Arrivato al palazzo fresco di una partita di polo, Aybek fu accolto dalle spade degli eunuchi della Sultana.

Affermò che Aybek era morto nel sonno, ma questa volta i Mamelucchi si rifiutarono di proteggerla. I resoconti dicono che trascorse diversi giorni in arresto nella Cittadella. Il figlio quindicenne di Aybek, Al-Mansur Ali, figlio di Umm ‘Ali, divenne Sultano. Offrì Shajarat al-Durr alla giustizia di sua madre, che la fece “trascinare per i piedi e poi gettare dalla cima” della Cittadella” secondo lo storico del XV secolo Ibn Iyas. I suoi resti furono sepolti nella tomba che aveva commissionato, una delle più belle del Cairo. Il suo mihrab (nicchia di preghiera) è decorato con mosaici di vetro bizantini, i più antichi della città, e il suo fulcro è un “albero della vita”, ornato di perle.

Era abbastanza all’altezza del compito, “dotata … di grande intelligenza” e in grado di “gestire gli affari del regno”, ha osservato Khayr al-Din al-Zirikli, biografo e poeta moderno siriano.

Ad oggi, rimane una delle figure storiche più popolari dell’Egitto.

 

I riferimenti

  1. MW Daly, Carl F. Petry, L’histoire de l’Égypte à Cambridge . Cambridge : Cambridge University Press, 1998, vol. 2
  2. Urbain Vermeulen, L’Égypte et la Syrie aux époques fatimide, ayyoubide et mamelouke . Louvain: Peeters Publishers, 2001
  3. Glenn E. Perry, L’histoire de l’Égypte . Londres : Greenwood Press, 2004
  4. M. Russell (Autore) Creating the New Egyptian Woman: Consumerism, Education, and National Identity 1863-1922 1 ottobre 2004

related articles

 

Poiché le guerre cominciano nelle menti degli uomini, è nelle menti degli uomini che si devono costruire le difese della Pace.

DICHIARAZIONE UNESCO

Anche tu puoi far parte di questo progetto partecipando a creare un mondo sempre più multiculturale ed inclusivo.

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"