Sayyida al-Hurra: la regina dei pirati che fece tremare i portoghesi

Creato da sandrine Nguefack
Sayyida al-Hurra

Marocchina di origine andalusa, Sayyida al-Hurra e la sua famiglia fuggirono in Nord Africa dopo la caduta di Granada nel 1492. Governatrice e difensore della città-stato costiera marocchina di Tetouan, Sayyida al-Hurra era una donna guerriera che impose le sue regole nel Mediterraneo occidentale.

L’esilio di Sayyida al-Hurra e la sua famiglia dalla Spagna e l’ascesa in Marocco

Nel 1492 la sua famiglia, considerata nobile, ed i suoi compatrioti musulmani ed ebrei furono cacciati dalla loro amata città di Granada ad Al-Andalus (ora nel sud della Spagna). Un’espulsione che segnò la fine di quasi otto secoli di dominazione musulmana nella penisola iberica.

Alcune di queste migliaia di emigranti da Granada in Al-Andalusia si stabilirono nei principali centri urbani nordafricani come Fez, Orano e Tunisi. Altri popolarono le città e i distretti desertici del paese, tra cui Tetwán (Tétouan), Salé e le pianure di Metidja, vicino ad Algeri”.

Tra l’ondata di rifugiati c’era qaid Moulay Ali ibn Rashid che fondò e governò la città-stato di Chefchaouen, nelle montagne del Rif a sud-est di Tangeri, vicino alla costa settentrionale del Marocco. Si stabilì lì con sua moglie Lalla, Zohra Fernandez, il loro servitore cristiano convertito all’Islam, suo figlio Moulay Ibrahim e sua figlia, la futura Sayyida al-Hurra, il cui nome di nascita era probabilmente Aisha. Hanno aperto le porte di Chefchaouen alle ondate di compatrioti andalusi in fuga dalla Reconquista spagnola.

Giovane testimone di tutto questo sconvolgimento, da ragazza Aisha si distinse come studentessa. Eccelleva nelle lingue, tra cui castigliano e portoghese, oltre che in teologia. Tra i suoi insegnanti c’era il famoso studioso marocchino Abdallah al-Ghazwani, il cui padre, l’altrettanto famoso shaykh Oudjal, avrebbe posato una mano sulla testa di Aisha e detto: “Questa ragazza salirà al rango più alto.”

Nel 1510 divenne moglie di Abu Hassan al-Mandari, governatore di Tetouan dal 1505. A circa 55 chilometri a nord di Chefchaouen, alla foce del fiume Martil, Tetouan era il porto principale del Marocco.

Il patto matrimoniale di al-Mandari fu una decisione saggia. Con Aisha come co-reggente di Tetouan e la simultanea nomina di suo fratello Moulay Ibrahim a visir di Ahmed al-Wattasi, Sultano di Fez, i Rashid si posizionarono come attori principali nello sforzo di unificare il Marocco contro le potenze in rapida crescita della Spagna e Portogallo.

 Il bisogno di unità era reale

Nel 1488 i portoghesi circumnavigarono la punta meridionale dell’Africa e stabilirono la propria rotta marittima diretta verso l’Arabia, l’India e il sud-est asiatico. La scoperta tagliò i profitti dei mercanti nordafricani che per secoli avevano agito da intermediari tra l’Europa occidentale e l’Asia. I portoghesi stabilirono anche colonie lungo le coste africane, collegandole all’interno. Allo stesso tempo, gli spagnoli, guardando avidamente lo Stretto di Gibilterra e diffidando dell’espansione ottomana nel Mediterraneo, si aggrapparono ostinatamente ai propri avamposti lungo la costa nordafricana: Tripoli, Algeri, Santa Cruz e altri. Nel frattempo, a sud di Fez, nell’attuale Marocco centro-settentrionale, Ahmed al-Wattasi cercò un’alleanza con il Portogallo per aiutarlo a respingere le tribù ribelli Saadi sostenute dall’Inghilterra. Il Mediterraneo, un tempo conosciuto come il lago romano, era diventato uno stufato internazionale e fratricida. Al-Mandari, il marito di Aisha, morì tra il 1515 e il 1519, lasciandola come unica sovrana di Tetouan. Fu in quel momento che prese il titolo ufficiale di Sayyida al-hurra, hakimat titwan – Lady Sovereign, Governatrice di Tetouan.

L’alleanza di Sayyida al-Hurra con Barbarossa per il dominio del Mediterraneo

Fu l’alleanza di Sayyida al-Hurra con il famoso corsaro Oruç Reis – conosciuto in Occidente come Barbarossa – che contribuì a consolidare la sua reputazione di “regina dei pirati”. Nato a Lesbo intorno al 1474, Oruç e suo fratello maggiore, Hayreddin, erano tra i più famosi dei cosiddetti corsari barbareschi. Mentre spostavano la loro base nel Mediterraneo come servitori nominali del sultano ottomano, le loro imprese includevano incursioni nelle colonie spagnole, battaglie con i Cavalieri Ospitalieri e persino un audace attacco all’ammiraglia di papa Giulio II nel 1504. Oruç sfoggiava un braccio protesico d’argento. Nonostante la sua disabilità, secondo testimoni oculari, “ha combattuto fino all’ultimo respiro, come un leone”. Eppure aveva un lato tenero: tra il 1504 e il 1510 aiutò a trasportare i profughi musulmani dalla Spagna al Nord Africa.

La politica e le simpatie di Oruç hanno attirato l’attenzione e l’ammirazione di Sayyida al-Hurra. Unendo le forze, i due dominarono rapidamente le acque del Mediterraneo, attaccando navi e città e prendendo prigionieri cristiani. Fonti spagnole del 1540 raccontano di attacchi a Gibilterra e della perdita di “molto bottino e molti prigionieri” per i quali Sayyida al-Hurra negoziò un riscatto. I portoghesi, invece, “pregavano Dio che permettesse loro di vederla appesa all’albero maestro di una nave”, come nota Chamorro. Sébastien de Vargas, l’inviato reale portoghese alla corte di Fez all’epoca, la definì

“una donna molto aggressiva e irascibile su tutto“.

Man mano che il suo potere cresceva, anche la sua reputazione aumentava. Nel 1541, durante un vorticoso tour attraverso la regione per aiutare a raccogliere sostegno per la sua dinastia assediata, Ahmed al-Wattasi chiese la sua mano in matrimonio. Lei accettò, ma rifiutò di recarsi a Fez per il matrimonio, insistendo invece che si svolgesse a Tetouan. Fu l’unica volta nella storia del Marocco che un sultano si sposò fuori dalla capitale. La notizia del matrimonio giunse a Madrid, dove turbò Filippo II e fu visto da alcuni come l’equivalente musulmano del matrimonio di potere tra Ferdinando d’Aragona e Isabella di Castiglia.

La caduta di Sayyida al-Hurra 

La sua diplomazia intermittente e i litigi con i portoghesi a Ceuta spinsero il suo governatore a tagliare i legami commerciali con Tetouan. Il suo carattere e il suo orgoglio erano diventati cattivi per gli affari. Nel 1542 fu rovesciata da suo genero Moulay Ahmed al-Hassan al-Mandari (nipote di Abu Hassan), ponendo fine a 30 anni di governo. È stata spogliata dei suoi beni e del suo potere. Accettando il suo destino, si ritirò a Chefchaouen, dove visse per altri 20 anni, fino al 14 luglio 1561.

Gli storici concordano sul fatto che sia l’ultima donna leader islamica a detenere il titolo di “al-Hurra”. Sebbene non abbia lasciato scritti noti, le parole della collega andalusa, poetessa Wallada dell’XI secolo, figlia di Al-Mustakfi, sovrano di Córdoba, riassumono elegantemente il suo portamento e il suo potere.

La sua educazione, forza di carattere e presenza di spirito l’hanno resa un leader politico, indipendente dalla supervisione, dall’istruzione o dall’approvazione maschile. Sapeva cosa doveva essere fatto in diverse circostanze e queste sono le qualità che l’avrebbero resa una leader.

Ha governato Tetouan per circa un quarto di secolo, periodo durante il quale si registrò un livello di prosperità senza precedenti, scrive lo storico spagnolo Germán Vázsquez. Gran parte di questa prosperità proveniva da una fonte ovvia: attacchi alle navi spagnole e portoghesi cariche di merci, oro e altri tesori. È presente negli archivi spagnoli contemporanei come Sida el-Horra.

 

Nota che se Sayyida al-Hurra e Oruç fossero o meno “pirati” dipendeva dall’opinione di chi si trovava di fronte. “La pirateria era dilagante nel XVI secolo e non si limitava affatto alla costa meridionale del Mediterraneo”, afferma Lebbady. “I pirati inglesi erano soliti intercettare le galee spagnole di ritorno dalle Americhe e il bottino che prendevano era una delle principali fonti di entrate per il governo della regina Elisabetta I.”

 

Fonte Immagine

Wikimedia Common’s

Per saperne di più :

Hasna Lebbady, auteure de Feminist Traditions in Andalusi-Maroccan Oral Narratives (Palgrave Macmillan, 2009)

Lo storico spagnolo Germán Vázsquez Chamorro nel suo recente studio, Mujeres Piratas (Donne pirata) (Edaf Antillas, 2004)

related articles

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"