StoriaStoria d’africa |

La regina Idia è una delle soldatesse più famose del Regno del Benin

Creato da sandrine Nguefack
La regina Idia

Dotata di poteri magici e conoscenza della medicina, la regina Idia è stata una delle più famose donne soldato del Regno del Benin. Era un impavido generale che guidò il suo esercito attraverso diverse battaglie di successo. Una di queste fu la guerra dell’Idah dal 1515 al 1516. Servì anche come rappresentante del re in alcuni villaggi.

La regina Idia

Rappresentazione del XVI secolo della regina Idia, in ottone (Museo Etnologico di Berlino) – Wikipedia

La regina Idia, moglie del re Ozolua, era la madre di Esigie, re (l’Oba) del Benin (dal 1504 al 1550) che fu il primo Oba a parlare una lingua non madre (portoghese). Ha svolto un ruolo molto importante nell’ascesa e nel regno di suo figlio. Era una forte guerriera che ha combattuto instancabilmente prima e durante il regno di suo figlio come re del popolo Edo. Alla morte del re Ozolua, un re probabilmente poligamo, i suoi due potenti figli si contenderanno il trono. Esigie controllava Benin City mentre un altro figlio, Arhuaran, risiedeva nell’altrettanto importante città di Udo, a una trentina di chilometri di distanza.

La regina Idia mobilitò un esercito attorno a Esigie che divenne il 16º re

La conseguente guerra civile compromise gravemente lo status del Benin come potenza regionale e minò il posto di Benin City al centro politico e culturale del regno. Sfruttando questa debolezza, i vicini popoli Igala inviarono guerrieri attraverso il fiume Benue per strappare il controllo dei territori nel nord del Benin. Esigie alla fine sconfisse suo fratello e conquistò Igala, ripristinando l’unità e la forza militare nel regno. Sua madre Idia ricevette gran parte del merito di queste vittorie, poiché i suoi consigli politici, insieme ai suoi poteri mistici e alle sue conoscenze medicinali, erano considerati elementi essenziali del successo di Esigie sul campo di battaglia. Per premiarla e onorarla, Esigie creò una nuova posizione all’interno della corte chiamata iyoba, o “Regina Madre”, che le conferì importanti privilegi politici.

L’uso di immagini simboliche dell’arte identificate con la regina Idia indica il suo primo contatto con i portoghesi ed è diventata una delle opere d’arte più popolari nella storia dei neri in tutto il mondo. Molte di queste immagini artistiche includono: testa madre della regina ancestrale in bronzo, campane di bronzo, spada tradizionale (“Eben”), sonaglio in legno intagliato (“Ukhurhe”) e molti altri. L’immagine della regina Idia è la popolare testa Festac che è stata utilizzata per la celebrazione del FESTAC ’77 nigeriano – Festival delle arti e della cultura nel 1977 a cui hanno partecipato dignitari di tutto il mondo.

La Regina Madre fu anche l’iniziatrice di “Ekasa” – una danza speciale che fa parte delle cerimonie reali fino ad oggi. La tomba della regina Idia si trova a Egua-Iy’oba, Uselu, Lagos Road, Benin -City.

 

Nota: I portoghesi arrivarono per la prima volta nel Regno del Benin intorno al 1485 e la conoscenza della lingua portoghese era molto importante per trattare con questi nuovi partner commerciali dell’ovest.

related articles

 

Poiché le guerre cominciano nelle menti degli uomini, è nelle menti degli uomini che si devono costruire le difese della Pace.

DICHIARAZIONE UNESCO

Anche tu puoi far parte di questo progetto partecipando a creare un mondo sempre più multiculturale ed inclusivo.

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"