Gli africani ridotti in schiavitù sono diventati grandi politici negli Stati Uniti

Creato da sandrine Nguefack
schiavitù / Esclavagé

Per alcuni anni, tra la Ricostruzione e l’inizio dell’era di Jim Crow, gli afroamericani fecero un’ondata di riforme in alcuni dei più importanti Uffici politici del mondo. Circa 2.000 neri si sono insediati a livello statale, locale e federale e quasi una dozzina di ex schiavi hanno prestato servizio alla Camera dei rappresentanti e al Senato degli Stati Uniti. Questi pionieri hanno subito abusi e intimidazioni da parte del pubblico e di altri legislatori, ma sono stati anche i più importanti sostenitori dell’uguaglianza razziale. Da un ex servitore a un veterano della Guerra Civile, incontra cinque uomini che sono usciti dalla schiavitù per far parte della prima generazione di deputati neri d’America.

 1- Blanche K. Bruce

Blanche K. Bruce

Figlio di una donna nera ridotta in schiavitù e del suo padrone bianco, Blanche Bruce è cresciuto come schiavo in piantagioni in Virginia, Mississippi e Missouri. Ha avuto un’educazione privilegiata per gli standard degli schiavi e gli è stato permesso di studiare con un tutore privato, ma quando è scoppiata la Guerra Civile ha colto l’occasione per la libertà ed è fuggito in Kansas. Bruce ha poi lavorato come insegnante e ha aperto la prima scuola del Missouri per bambini neri prima di trasferirsi nel Mississippi alla fine del 1860. Arrivò nello stato con solo 75 centesimi, ma nel giro di pochi anni divenne un prospero speculatore fondiario e piantatore. Il suo spirito acuto e il suo comportamento distinto lo hanno anche reso una stella nascente nel Partito Repubblicano del Mississippi, che lo ha portato a lavori come sceriffo, esattore delle tasse e sovrintendente all’istruzione della Contea.Nel 1874, la legislatura del Mississippi elesse Bruce al Senato degli Stati Uniti, facendo di lui il secondo senatore nero nella storia americana e il primo a scontare un mandato completo di sei anni. Ha trascorso gran parte del suo mandato difendendo i veterani della Guerra Civile e combattendo la segregazione, ma ha anche espresso sostegno agli immigrati cinesi e ai nativi americani. Durante un dibattito del 1879 sul Chinese Exclusion Act, divenne il primo afroamericano a presiedere una sessione del Senato. Mentre il crollo della Ricostruzione ha condannato Bruce a un solo mandato al Senato, l’ex schiavo è rimasto attivo in politica e in seguito ha trascorso diversi anni come Registratore del Tesoro, un ruolo che ha visto la sua firma apparire sul set della valuta nazionale.

2-Robert Smalls

Robert Smalls

Il viaggio di Robert Smalls dalla schiavitù a membro del Congresso degli Stati Uniti inizia con un famoso atto di sfida. Nel 1862, il nativo della Carolina del Sud prestò servizio come roadman a bordo di un piroscafo confederato chiamato Planter. Quando l’equipaggio bianco prese un congedo a Charleston nelle prime ore del mattino del 13 maggio, Smalls e molte altre persone ridotte in schiavitù dirottarono la nave, la pilotarono oltre Fort Sumter e la rimandarono a uno squadrone di blocco dell’Unione. Smalls è diventato capitano della Planter per la Marina. Dopo la fine della Guerra Civile, usò la sua ricompensa per aver catturato la nave per acquistare il suo ex comandante a Beaufort, nella Carolina del Sud.Alla fine degli anni ’60 dell’Ottocento, Smalls trasformò la sua fama di “Eroe del Planter” in una carriera politica. Aiutò a organizzare il fiorente Partito Repubblicano della Carolina del Sud, poi prestò servizio nella legislatura statale prima di vincere un seggio alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti nel 1875. Come membro del Congresso, Smalls promosse il diritto di voto dei neri e introdusse la legislazione, ma i suoi cinque mandati erano spesso perseguitato da sabotaggi politici e frodi elettorali da parte delle forze della supremazia bianca. Dopo aver perso la sua ultima corsa al Congresso nel 1886, tornò nella Carolina del Sud e lavorò come esattore doganale negli Stati Uniti.  

3-Joseph Rainey

 schiavitù

Joseph Rainey

Sebbene nato in schiavitù, Joseph Rainey della Carolina del Sud divenne libero da ragazzo dopo che i suoi genitori acquistarono la loro libertà. Ha continuato la sua carriera di successo come barbiere a Charleston, ma nel 1861 la Confederazione lo arruolò nella cavalleria. Non volendo sopportare la schiavitù una seconda volta, Rainey fuggì alle Bermuda, dove continuò a lavorare come barbiere fino alla fine della guerra civile. Tornato a casa nel 1866, si reinventò come politico e prestò servizio nel Senato dello Stato della Carolina del Sud. Quattro anni dopo, vinse un’elezione speciale e divenne il primo membro nero della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.Al Congresso Rainey si è affermato come un repubblicano moderato disposto a scendere a compromessi nella lotta per l’uguaglianza. Ha sostenuto l’amnistia per gli ex confederati e ha persino sostenuto una tassa elettorale in stile Jim Crow per finanziare l’istruzione, ma ha anche esortato il governo federale a schierare l’esercito contro il Ku Klux Klan e altri gruppi di supremazia bianca. Il Klan mise a rischio la vita di Rainey. Ricevette una lettera anonima che lo avvertiva di “prepararsi a incontrare Dio”, ma nonostante l’imminente minaccia di assassinio, rimase al Congresso per cinque mandati consecutivi, più a lungo di qualsiasi politico nero durante la Ricostruzione.

4- John R. Lynch

John R. Lynch

Figlio di un sorvegliante irlandese e di una mammà nata nella schiavitù,, John Lynch trascorse i suoi primi anni formativi lavorando in una piantagione nel Mississippi prima di essere liberato dalle truppe dell’Unione durante la Guerra Civile. In seguito ha lavorato come cameriere, cuoco e direttore di uno studio fotografico, ma ha usato le sue notti per andare a scuola e leggere libri di legge. Lynch divenne rapidamente un attivista politico. Nel 1869 fu nominato giudice di pace ed eletto alla Camera dei rappresentanti del Mississippi. La sua notevole ascesa continuò nel 1872, quando sconfisse un giudice per vincere un seggio al Congresso all’età di soli 26 anni.Nonostante la sua giovane età, Lynch ha dimostrato di essere un abile politico e un oratore eloquente. Parlò a favore del Civil Rights Bill del 1875 e fece dure critiche ai gruppi di suprematisti bianchi. Secondo lui hanno raggiunto i loro obiettivi politici “con il potere dei proiettili e non con il potere del voto”. Lynch ha scontato tre mandati non consecutivi alla Camera prima di essere sconfitto dall’incarico in seguito al crollo della ricostruzione. Il suo curriculum includeva i suoi doveri di avvocato, membro del Comitato Nazionale Repubblicano e Maggiore nell’esercito degli Stati Uniti durante la guerra ispano-americana. Prima della sua morte nel 1939, scrisse anche diversi libri e articoli che mettevano in evidenza i risultati dei politici neri durante la Ricostruzione.

5- Josiah Walls

 schiavitù

Josiah Walls

Fino al 1993, Josiah Walls è stato l’unico membro del Congresso nero nella storia della Florida. Nato in Virginia nel 1842, Walls è cresciuto in Virginia prima di essere arruolato nella Confederazione durante la Guerra Civile. Successivamente fu catturato e liberato dalle forze dell’Unione e, dopo un breve periodo da studente a Filadelfia, si unì a un reggimento di truppe afroamericane e prestò servizio nella Florida occupata dall’Unione. Walls scelse di rimanere in Florida dopo essere stato congedato nel 1865. Prosperò rapidamente come insegnante e lavoratore del legname, e nel 1868 era abbastanza ricco da acquistare una piantagione un tempo di proprietà di un generale confederato.Nel 1870, affrontò un ex confederato di nome Silas Niblack nella corsa per il seggio della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti. La campagna è stata notoriamente pubblicizzata. Anche dopo la vittoria di Walls, Niblack ha contestato i risultati. Tuttavia, Walls vinse presto un seggio diverso al Congresso e completò tre mandati in cui sostenne il miglioramento delle infrastrutture e i programmi federali per fornire ai neri pari accesso all’istruzione. Lasciò l’incarico nel 1877.

 

related articles

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"