DestinationsLifestyle |

Il body painting dai popoli africani

Creato da sandrine Nguefack
peinture corporelle / body painting

Dal più fotografato al meno conosciuto, il body painting è un’arte ancestrale dei popoli di tutto il mondo. Segni di appartenenza e mezzi di comunicazione. In Africa troviamo questa peculiarità estetica e questa tecnica di comunicazione in diverse tribù.

1) Il body painting dai Wodaabe

I Wodaabe sono i più famosi tra i popoli dell’Africa a praticare il body painting. Sottogruppo del popolo Fulani, sono per la maggior parte pastori nomadi, Bororo del Niger, del Ciad, della Nigeria, del Camerun e dell’Africa centrale. Organizzano il festival annuale Geewerol per un periodo di 6 giorni alle porte del deserto di Agadez in Marocco.

Peinture Corporelles

Wodaabe.

Ogni clan familiare è rappresentato dalle sue ballerine più belle che si esibiscono durante un concorso di bellezza per uomini la cui giuria è composta dalle ragazze più belle della tribù.

Il ballerino dovrà faticare a lungo. Spalmerà sul viso del burro mescolato all’ocra (di solito rosso o giallo, il colore del potere e della forza, o della felicità, temi importanti nelle loro danze di guerra). Alcuni motivi geometrici vengono aggiunti per alcuni sulle guance, nei toni del bianco in genere.

2) I popoli della Valle dell’Omo in Etiopia e il body painting

Questa regione porta il titolo di “Culla dell’umanità“. Non meno di 80 gruppi etnici vivono in questo territorio: Dorzé, Konso, Mursis, Turkana, Nyangatom, Dassanetch, Surmas, Bume, Galeba, Karos, Tsemï, Hamers, Hamar, Arboré, Dassanechs, Bérber, Bana, Bodis, Tsemaï …

Peintures corporelles

child flowers

A lungo isolata dal resto del mondo, fu solo alla fine del XIX secolo che questa remota regione venne esplorata. Per questo motivo i popoli di Omo sono considerati primitivi dal governo di Addis Abeba, perché non hanno mai avuto alcun contatto con il mondo esterno, vivono di allevamento di bestiame e hanno mantenuto i loro costumi e il loro stile di vita ancestrali.

Nell’etnia Karos, considerata la più piccola delle tribù dell’Etiopia, i dipinti applicati al corpo hanno un significato sociale distinto tra uomini e donne.

I disegni del corpo sulle donne sono un’espressione di bellezza e seduzione. Un segno di maturità, un’allusione alla loro capacità di procreare e gestire una famiglia. Tra gli uomini è un modo per impressionare il nemico, per guadagnare in prestanza.

A volte anche i bambini si dipingono la pelle per indicare la loro affiliazione tribale.

 3) il body painting dai Nouba o tribù Nuba del Sudan

È una tribù misteriosa, di cui conosciamo pochi dettagli sulle abitudini e sulle tradizioni. Il resoconto più completo di questo popolo è quello di Leni Riefenstahl. Dal 1962 al 1977, l’attrice, fotografa e produttrice tedesca Leni Riefenstahl ha vissuto come la prima donna bianca con un permesso speciale rilasciato dal governo sudanese nelle remote valli del Sudan centrale tra le misteriose tribù Nuba.

Peintures corporelles

Photos de Leni Riefenstahl

Ha studiato il loro modo di vivere e lo ha impresso su pellicola per l’eternità con delle immagini magnifiche. (Da vedere: film di testimonianza dei Nubas di Leni Riefenstahl).

In particolare, poiché il progresso della civiltà fa avvicinare il modo di vivere dei Nuba alla sua fine irreversibile, questi documenti illustrati assumono un’importanza antropologica, etnologica e storico-culturale unica. Usano dipinti del corpo e del viso durante le cerimonie dedicate al culto della bellezza maschile e femminile.

Il termine Nuba designa, in realtà, non un gruppo etnico ma diverse decine (tra i 50 e gli 80) di gruppi etnici distinti che vivono sui monti Nuba nel Kordofan del Sud Sudan.

  4) I Dan e gli Agni della Costa d’Avorio

Secondo alcuni storici, i Dan fanno parte del gruppo Mandinka di origine ciadiana. Hanno un grande senso artistico. I Dan sono anche più comunemente chiamati Yacouba. Vivono ancora nella regione di Man, Danané.

I dipinti con il caolino dei Dan includono:

– motivi cilindrici e geometrici, foglie di palma o foglie di alberi attaccate sul viso con un materiale adesivo (danza di esultanza nella città dell’uomo).

– motivi rotondi realizzati utilizzando la base di una bottiglia sul viso e sul petto (danza festosa Ynagbah nel villaggio di Guilzéreu)

Gli Agnis della Costa d’Avorio provengono dal Regno Ashanti del Ghana. Il primo Agnis attraversò il confine ivoriano con un altro popolo Akan. Nella laguna di Aby vi fondarono i loro regni.

Oggi, l’11% degli Agnis vive ad Abengourou, la città centrale dell’ex regno di Indénié. Il resto del popolo Agni è distribuito nelle regioni orientali e nord-orientali e una minoranza in Ghana.

I dipinti con il caolino degli Agnis includono:

– la pittura del viso, del corpo e dei palmi (processione komiana nella città di Agnibilékrou)

– la pittura del solo volto che sarebbe un rituale di purificazione di un luogo di culto, villaggio di Anuassué. 

5) I pigmei Mbuti del Congo

Pinterest

Si tratta in origine di popoli nomadi di cacciatori-raccoglitori, adattatisi alla vita sedentaria. Alcuni ipotizzano che la loro piccola taglia (da 1,40 a 1,50 m in età adulta) sia legata ad un adattamento al loro ambiente.

Utilizzano il Caolino che è indispensabile per uso estetico nel trucco ordinario o come cosmetico nel sacro rito dei gemelli e dei genitori di gemelli da parte dei sacerdoti iniziatori.Al caolino aggiungono una polvere rossa ottenuta strofinando due grossi trucioli di legno rosso. Questa cellulosa è prodotta da una donna anziana, madre gemellare, in menopausa, che non ha più rapporti sessuali con uomini perché deve essere casta e pura. 

6) I Makonde

Sono presenti nel sud-est della Tanzania e nel nord del Mozambico. Si trovano anche in Kenya.Durante le cerimonie di fertilità, i Makonde praticano l’arte della pittura corporea. Questa arte della pittura del viso è associata ai vari ornamenti della cerimonia per creare un unico insieme.

Makonde – Tanzania

Per loro la prima donna era un’opera d’arte scultorea. Ecco la leggenda:”…Molto tempo fa, in un luogo della Valle di Ruvuma, c’era un uomo. Siccome era annoiato, quel giorno prese un pezzo di legno e scolpì un altro essere come lui. La sera, l’uomo piantò questo legno scolpito nel luogo dove aveva deciso di pernottare. La mattina dopo, svegliandosi, si accorse che la statua era viva e che era una donna.

La vita del bosco era entrata nel corpo della donna e aveva segnato per sempre il carattere matrilineare di questa tribù.Sulla riva di uno specchio d’acqua, la donna ha dato alla luce un bambino nato morto. Così entrambi fuggirono da questa valle per rifugiarsi sugli altipiani aridi. Lì la donna diede alla luce molti bambini.

Da questo antenato, padre della tribù e da questa donna che ne fu madre, i Makonde ricevettero le leggi consuetudinarie che li governano: leggi dell’esperienza, rispetto per le donne e la tradizione dell’intaglio del legno d’ebano che diede vita a un essere fonte di vita.” 

7) Body painting  dai Maasai

Body painting Maasai sono un gruppo etnico semi-nomade del Kenya e del nord della Tanzania.I diversi riti del giovane Maasai, “moran”, che lo portano a diventare un “uomo guerriero” iniziano normalmente con il rito della circoncisione tra i 10 ei 17 anni, secondo il ciclo di 7 anni.

Il processo di guarigione richiederà 3-4 mesi e i ragazzi dovrebbero rimanere in abiti neri per un periodo di 4-8 mesiDopo la guarigione, sono considerate nuove persone e ricevono un nuovo status di guerriero. Durante questi riti sono ricoperti di disegni. 

8) Donne malgasce

I malgasci praticano l’arte della pittura da generazioni, esiste un rituale di bellezza chiamato Masonjoany.Le donne lo usano quotidianamente come protezione solare.

Body painting

femme Malgache – Google

Il body painting ha sia una funzione terapeutica per proteggere da macchie, acne, rughe e tossine, che artistica, la maschera si applica sotto forma di disegni di petali e fiori.

La maggior parte è ancora realizzata con il buon vecchio metodo: strofinando un ramo di legno di sandalo (o oggi rami di altre piante endemiche con proprietà medicinali) su una pietra di corallo precedentemente bagnata.Al giorno d’oggi, l’arte del body painting sembra perdere il suo lato tradizionale. L’attrazione turistica l’ha resa mercantile e le popolazioni la utilizzano come mezzo di sussistenza.

 

 

Fonti:

Link : Noubas une mémoire africaine

Per saperne di più, vi consiglio questo bellissimo articolo sull’argomento. Laurent Moreau

 

related articles

 

Poiché le guerre cominciano nelle menti degli uomini, è nelle menti degli uomini che si devono costruire le difese della Pace.

DICHIARAZIONE UNESCO

Anche tu puoi far parte di questo progetto partecipando a creare un mondo sempre più multiculturale ed inclusivo.

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"