AgoratecaDonneHub business |

Intervista a Cécile Manya, scrittrice

Creato da sandrine Nguefack
Cécile Manya

Cécile Manya ha accettato di rispondere in modo franco e insolito alle domande degli utenti fedeli di Internet sulla sua vita di scrittrice e sul suo ultimo lavoro, “Patrice Lumumba – Sankuru and Africa”, ​​pubblicato il 5 agosto 2021 da Éditions du Lys Blue.

Presentati

Ciao, il mio nome completo è Koyenyi Cécile MANYA. Sono nata nella Repubblica Democratica del Congo e sono venuta in Svizzera con la mia famiglia quando avevo solo quattro anni. Sedici anni dopo, ho acquisito la nazionalità svizzera secondo le procedure molto complicate e selettive di questo paese. Mi sento tanto svizzero quanto congolese, meticcia quanto i miei figli, pur supponendo che, essendo l’Africa la culla dell’umanità, ogni africano dovrebbe sentirsi a casa ovunque si trovi.

Nel 2017 ho preso la penna per parlare di situazioni molto personali. E da allora la tastiera non mi abbandona più.

“Patrice Lumumba – Sankuru e l’Africa”. ​​Puoi riassumerlo in poche parole?

Il mio libro “Patrice Lumumba – Sankuru e l’Africa” ​​è basato sul lavoro dell’eminente Professor André Manya K’Omalowete a Djonga. È stato il primo a pubblicare un libro particolarmente dettagliato sulla vita e il pensiero politico del primo ministro Patrice Emery Lumumba. Lui è l’esperto in materia. Mio padre è nato e cresciuto a Sankuru proprio come l’eroe Lumumba. Il dottor Manya ha condotto indagini sul campo e interviste con persone chiave. Ha avuto accesso a importanti testimonianze fornite da persone che riservavano la loro conoscenza a persone autorizzate. Sono molto orgogliosa di presentare un lavoro di riferimento che porta nuovi elementi e fornisce dettagli su eventi che fino ad ora sono stati poco discussi. Questa nuova luce dà alla storia un sapore completamente nuovo. Era importante capire tutto. Questo è ora possibile con questo bellissimo libro che contiene anche illustrazioni.

Da dove nasce il tuo desiderio di scrivere sul leader congolese Patrice Lumumba?

La sua storia è mozzafiato. La sua ascesa fulminea, la sua determinazione, la sua intelligenza, tutti questi elementi comandano più del rispetto. Il primo ministro Patrice Lumumba è più di un leader: è un eroe internazionale e un simbolo per il mondo intero. L’Occidente ha cercato di minimizzare l’impatto del suo lavoro in tutti i modi. Ma il nostro caro Patrice non è né un “eroe effimero” né solo un’altra vittima. Sono sgomenta che una certa stampa bianca si soffermi in modo così indecente sulle ultime ore della sua vita come per trasmettere un messaggio di sconfitta alla causa nera congolese. Voglio che le persone non parlino più di Patrice Lumumba come se fosse loro amico, ma elevino attraverso i loro discorsi l’opera di questo genio che ha compiuto imprese dopo imprese, partendo dalla propria evoluzione per arrivare alle redini del governo, e questo in un contesto che, ricordiamolo, era spaventoso per la dignità e i diritti dei congolesi.

Credi che la letteratura possa fornire una risposta?

La letteratura ha tutto per essere un’arma. Tutto inizia con l’istruzione. Il corpo segue ciò che il cervello gli dice di fare. Una nazione incentrata sul suo valore e sulla sua storia con la forza di una verità esplosiva è come un corpo al quale il cervello trasmette onde positive e detta comportamenti che vanno nella direzione della sua evoluzione. Come dico spesso, “L’istruzione conduce all’azione giusta”.

Da cosa prendi ispirazione?

Il mio lato artistico è molto presente e lascio che si esprima. Questo aspetto di me è legato anche all’equilibrio e al benessere personale. Molto ricettiva a ciò che sta accadendo sia fuori che dentro di me, do quindi il primo posto a tutto ciò che può influenzarmi positivamente e aiutarmi a svilupparmi.La mia penna è positiva, vuole essere trascendente. Considerato tutto quanto sopra, non sono mai a corto di ispirazione.

Cosa significa per te scrivere?

La scrittura è come una spada di luce.Spada: perché può davvero essere un’arma con cui disfare per costruire meglio. Può anche giudicare, lottare per buone cause, risolvere situazioni in cui vive come terapia. La scrittura può fare molte altre cose. Lei è nobile.Luce: nel mio slancio letterario sono portata dal desiderio di dare sempre il meglio, sempre il più bello e di scuotere con la verità. Non sto inventando una storia. La verità, sia mia che di altri, è così forte nei miei libri che basta per abbagliare.

Un autore in particolare che ti ha ispirato o ti ha semplicemente fatto venire voglia di scrivere?

Mio padre, il Dottore e brillante ricercatore André Manya.Ho anche, nei confronti di me stessa, uno spirito di ricerca. Anche la costanza è un tratto del mio carattere.

Hai mai visto un tuo manoscritto rifiutato?

No.

Come ti distingui nel mondo dell’editoria saturo di oggi?

Devi metterci le tue cose, non essere il signor o la signora-tutti e avere un editore che non conta le sue ore.

Altri progetti in cantiere?

Sì, mi vengono richiesti progetti e mi prendo il tempo per scrivere un manoscritto che vada sempre oltre, nella direzione di ciò che voglio contribuire attraverso la scrittura.

L’autore è una professione difficile. Hai qualche consiglio per le donne che sognano di diventare scrittrici?

Dirò una cosa molto semplice:Se questo è il tuo destino, ci arriverai.Il lavoro è una virtù onorata dalla sincerità. Personalmente, metto il cuore in quello che faccio. Non ho “provato” la scrittura per motivi spuri. È stata la scrittura che mi ha preso. E do molta più importanza a quello che scrivo che al feedback. Puoi leggerla e acquistare i suoi libri dal suo blog aggiornato e stimolante, anche lungo la strada.

 

related articles

 

Poiché le guerre cominciano nelle menti degli uomini, è nelle menti degli uomini che si devono costruire le difese della Pace.

DICHIARAZIONE UNESCO

Anche tu puoi far parte di questo progetto partecipando a creare un mondo sempre più multiculturale ed inclusivo.

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"