Mohamed Mbougar Sarr è il Premio Goncourt 2021

Creato da sandrine Nguefack
Mohamed Mbougar Sarr

Mohamed Mbougar Sarr, nato in Senegal nel 1990, è figlio di un medico e primogenito di una famiglia di sette ragazzi. Ha iniziato i suoi studi secondari presso il pritaneo militare di Saint-Louis-du-Senegal. Giovane, ha letto tutto quello che ha trovato. Nasce così l’amore per lo storytelling, per il raccontare storie. Nel 2009 si è trasferito in Francia dove ha proseguito i suoi studi presso l’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales (EHESS). Conferma quindi il suo gusto per la Letteratura e la Filosofia.

La scrittura si è quindi imposta nella sua vita, tanto che la considera “un’ossessione”.

“La mia ossessione è la letteratura. Per me è un punto di vista sul mondo. Tra letteratura e vita, siamo nella stessa energia” dice.

Ora ha al suo attivo 5 romanzi in cui troviamo personaggi femminili ispirati a coloro che lo circondano fin dalla prima infanzia.

“Sono anche cresciuto con molte donne intorno a me che hanno fornito gran parte della mia educazione, e soprattutto quella letteraria. Quello che voglio dire è che le prime storie che ho sentito mi sono state spesso raccontate da donne, mia madre, mia nonna, mia cugina, mia zia, ecc.”, confida il romanziere a TV5monde.

Alla fine del 2010 ha vinto il Premio Stéphane Hessel per la “giovane scrittura francofona” organizzato da RFI con “La tenuta”. In questo romanzo, la trama si svolge nella stiva di una nave negriera, un riferimento anche al passato coloniale. Presenta un chirurgo la cui curiosità lo spinge a voler conoscere la realtà. L’episodio sconvolge il protagonista a tal punto da rinunciare a qualsiasi attività legata a questo traffico.

“Terreceinte” è il suo primo romanzo tra realtà e finzione. Il punto di partenza è una vera notizia: la lapidazione di una giovane coppia nel 2013 a Timbuktu, la stessa notizia che ha ispirato il film Timbuktu di Abderrahmane Sissako. Denunciando il fondamentalismo religioso, presenta personaggi rinchiusi in un clima di violenza. Questo romanzo ha ricevuto il premio Ahmadou-Kourouma, poi il Grand Prix per il romanzo Métis di Saint-Denis-de-la-Réunion.

Nel 2017 pubblica “Silence du choir”: settantadue ragazzi, rifugiati o migranti, arrivano ad Altino, nella campagna siciliana. Supportati dall’associazione Santa Marta, la loro presenza stravolge la vita quotidiana del piccolo paese. In attesa che il loro destino si stabilisca, i ragazzi incontrano personaggi di ogni genere: un prete atipico che riscrive le loro storie, una donna impegnata a offrire loro asilo, un uomo deciso a rifiutarli, un ex migrante divenuto interprete, o anche un poeta selvaggio che non scrive più. Un “romanzo umano più che umanista”. Il romanzo riceve il Prix de la Porte Dorée 2018.

“Uomini puri” attacca ancora una volta il fondamentalismo religioso, questa volta dal punto di vista dell’omofobia. Dopo un video virale che mostra il corpo di un uomo gay riesumato da una folla. Mohamed Mbougar Sarr propone un romanzo commovente sull’unica grande domanda che vale agli occhi del suo eroe: come trovare il coraggio di essere pienamente se stessi, senza tradirsi o mentire a se stessi, e costi quel che costi?

“Il ricordo più segreto degli uomini” al Premio Goncourt 2021 è una dedica a Yambo Ouologuem, l’autore di Le Devoir de violent (1968). Evidenzia una citazione da Detectives selvaggi di Roberto Bolaño, da cui è tratto il suo bellissimo titolo. Diventa il secondo africano e il primo subsahariano a vincere questo prestigioso premio. Nel 1988, l’autore marocchino Tahar Benjelloun era sacro con il suo romanzo La notte sacra. È il primo africano a vincere questo premio.

related articles

 

Poiché le guerre cominciano nelle menti degli uomini, è nelle menti degli uomini che si devono costruire le difese della Pace.

DICHIARAZIONE UNESCO

[wp_ad_camp_1]

Anche tu puoi far parte di questo progetto partecipando a creare un mondo sempre più multiculturale ed inclusivo.

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"