DestinationsLuoghi |

7 motivi che rendono il Camerun l’Africa in miniatura

Creato da sandrine Nguefack
Camerun

Il Camerun di forma triangolare è il crocevia dell’Africa con una superficie di 475.642 km². Il suo clima, la sua fauna, la sua flora e le sue risorse sono solo alcuni punti che rendono questo paese l’Africa in miniatura che andiamo a scoprire.

1- Punto strategico di scambio

Paese crocevia del continente con vicini Nigeria, Ciad, Repubblica Centrafricana, Congo, Gabon e Guinea Equatoriale. Il Camerun è il lungomare dell’Africa Centrale con i suoi 350 km di costa atlantica, e lo sbocco per la Repubblica Centrafricana e il Ciad attraverso il porto di Douala, il primo porto dell’Africa Centrale, sbocco per l’oleodotto del Ciad.

2- Le Cameroun regroupe tous les climats d’Afrique


È un paese interessato dal clima del Sahel e dal clima equatoriale; il che spiega la diversità della sua vegetazione. Il rilievo e il clima caldo e piovoso conferiscono al Camerun grandi risorse idriche perenni e un grande potenziale.

3- Capitale forestale

I climi presenti in Camerun offrono un riassunto della vegetazione dell’Africa subsahariana con fitte foreste e foreste montane. La fitta foresta copre il 42% della superficie totale del paese. La vegetazione tropicale si trasforma in savane e steppe, dando l’impressione di aver improvvisamente cambiato paese.
È la seconda ricchezza floristica dell’Africa dopo la foresta del Madagascar. Serbatoi per più specie di legname da costruzione, da cucina e persino polpa di carta e risorse in frutta, verdura, foglie, piante medicinali.
Il Camerun è fortunato a non contenere aree desertiche.

4- Una fauna

La ricchezza della fauna pone il Camerun al 5° posto in Africa in termini di diversità biologica.

5- “Granaio dell’Africa Centrale”


Un’agricoltura ricca di prodotti di consumo come: platano (2 milioni di tonnellate), manioca, mais, igname, miglio, patate, fagiolini secchi o verdi, aglio, cipolla, ananas, melone, mango, pompelmo. Questi prodotti alimentari vengono esportati anche nei mercati limitrofi, attraverso scambi incoraggiati dalla Banca Mondiale e dall’OMC.

6- Il Camerun ha notevoli risorse minerarie.


Ognuna delle 10 regioni è ricca di almeno una risorsa mineraria. Lo stagno viene estratto nel nord del paese nella regione di Adamawa, l’oro nell’est del paese, il ferro, scoperto nel 1984 al confine con il Congo Brazza, ha portato il Camerun al 2° posto in Africa e al 4° nel mondo. Sfruttato in consorzio con i coreani, il giacimento di diamanti orientale, al confine tra RDC e Congo, sarebbe il più ricco giacimento industriale di diamanti al mondo, con una riserva stimata di 736 milioni di carati. Sulla costa è stata trovata anche la sienite, la principale materia prima dell’industria della ceramica e del vetro, e nel 1977 è stato scoperto il petrolio offshore nel nord del paese.

7- La popolazione del Camerun è una delle più diversificate dell’Africa nera

Questa popolazione riunisce quasi 230 gruppi etnici, ognuno con la propria lingua e le proprie usanze. È uno dei pochi paesi africani ufficialmente bilingue: l’80% dei camerunesi è di lingua francese e il 20% di lingua inglese. È un paese di diversità culturale e tradizionale, molte religioni coesistono e in alcune regioni vengono organizzati regolarmente matrimoni misti. Il Paese annovera la diversità tra i suoi valori: a livello religioso si stima che il 35% della popolazione sia animista, il 40% cristiana e il 25% musulmana. Come in tutti gli altri paesi dell’Africa subsahariana, la popolazione camerunese rispetta ancora la tradizionale organizzazione sociale. La popolazione è raggruppata in lamidat, regni, villaggi, clan guidati a seconda dei casi da un lamidos, un capo o fon o un patriarca, strutture ammesse ma arcaiche che talvolta ostacolano la modernità.

La demografia e le risorse naturali del Camerun sono un potenziale economico inestimabile. Si tratta di risorse per lo sviluppo della selvicoltura e dell’industria del legno, fonte di creazione di posti di lavoro e di reddito; una risorsa per lo sviluppo dell’ecoturismo.

related articles

 

Poiché le guerre cominciano nelle menti degli uomini, è nelle menti degli uomini che si devono costruire le difese della Pace.

DICHIARAZIONE UNESCO

Anche tu puoi far parte di questo progetto partecipando a creare un mondo sempre più multiculturale ed inclusivo.

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"