La dottoressa Catherine Nakalembe, co-vincitrice del Premio Africano per l’Alimentazione 2020

Creato da sandrine Nguefack
Dr Catherine Nakalembe - Femmes des sciences/ Donne delle scienze

La dottoressa Nakalembe, professore associato presso il Dipartimento di Scienze Geografiche dell’Università del Maryland negli Stati Uniti, utilizza i dati satellitari per studiare l’agricoltura e le condizioni meteorologiche.

Queste informazioni vengono combinate con i dati raccolti sul campo sulle colture e sulle loro condizioni al fine di costruire modelli previsionali.

Questo le è valso il Premio Africano per l’Alimentazione 2020, insieme al dottor André Bationo del Burkina Faso, per il suo lavoro sui fertilizzanti.

Carriera

La Dr Nakalembe è un assistente professore di ricerca presso l’Università del Maryland. È la direttrice del programma NASA Harvest Africa, membro dell’équipe di scienze applicate della NASA SERVIR e leader tematico sull’agricoltura e la sicurezza alimentare. Ha ricevuto il Premio Africano per l’Alimentazione 2020 per la sua dedizione al miglioramento della vita dei piccoli agricoltori mediante la raccolta di dati utili per il processo decisionale agricolo attraverso la tecnologia satellitare. Il suo lavoro in questo settore ha contribuito a prevenire gli effetti potenzialmente disastrosi di raccolti fallimentari. I suoi sforzi incessanti hanno anche favorito la formulazione di politiche e programmi contro gli effetti della scarsità di cibo che hanno avuto un impatto diretto sugli agricoltori locali. . La Dr Nakalembe è  vincitrice del premio UMD Research Excellence 2020 e il 2019 ha ricevuto il primo GEO Individual Excellence Award. È stata protagonista di Women and GIS 2020. “Immagina, ora ho una pagina di Wikipedia. Quando mi presento devo ricordarmi di dire: “Sono anche la vincitrice del Premio Africano per l’Alimentazione 2020″. E ho il mio trofeo gigante che pesa circa 5 kg. Quindi so che non sto sognando “, ride. 

Il lavoro di Catherine ha portato allo sviluppo e all’implementazione di bollettini sulla sicurezza alimentare e sul monitoraggio delle colture che incorporano dati satellitari, tra cui il Tanzania National Food Security Bulletin, l’Uganda National Integrated Early Warning Bulletin, Kenya, i rapporti del Rwanda Crop Monitor e dell’Eastern Africa Crop Monitor o la progettazione del meccanismo di attivazione del Programma di finanziamento del rischio di catastrofi in Uganda, che ha sostenuto oltre 300.000 famiglie nella regione. Ha ampi interessi che spaziano dal telerilevamento agricolo alla sicurezza alimentare e al cambiamento climatico e sostiene diverse attività volte alla creazione di team multidisciplinari in collaborazione con le università, supportando altresì l’Iniziativa di monitoraggio agricolo globale del Gruppo Osservazione della Terra (GEOGLAM). Catherine è stata inoltre la pioniera nel riutilizzo dei droni per la sorveglianza agricola.La dottoressa Nakalembe è cresciuta a Kampala, in Uganda, dove ha conseguito una laurea in Scienze Ambientali alla Makerere University per poi conseguire un master in Geografia e Ingegneria Ambientale presso la Johns Hopkins University e un dottorato in Scienze Geografiche presso l’Università del Maryland.

Formazione

Dottorato (Scienze Geografiche, Dipartimento di Scienze Geografiche, Università del Maryland College Park)
MS (Geografia e ingegneria ambientale, Johns Hopkins University, Baltimora, Maryland)
BS (Scienze ambientali, Makerere University, Kampala)

Seguila su Linkedin

related articles

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"