Agorateca |

Le parrucche hanno le loro origini nell’antico Egitto

Creato da sandrine Nguefack
perruques / parrucche

Il naturale sarà ciò che sosterremo finché potremo e finché ci consentirà di affermare la nostra africanità.
Ma viviamo in un mondo contemporaneo con i suoi canoni di bellezza a cui a volte è difficile resistere. Tra questi codici di bellezza contiamo la presentazione dei capelli.
A questo proposito abbiamo guardato all’origine della parrucca, di cui le donne e anche gli uomini sembrano sempre più incapaci di fare a meno.

I capricci della bellezza: indossare parrucche elaborate nell’antico Egitto

Gli abitanti dell’antico Egitto sono conosciuti come simboli di bellezza, vanità e igiene. L’aspetto era molto importante nella terra bagnata dal Nilo: segnalava il grado di ricchezza, status e ruolo svolto nella società. Il desiderio di un bel corpo ha influenzato la moda, ma anche le questioni climatiche e mediche hanno contribuito a questo stile unico.

Capelli e bellezza
Nell'antico Egitto le acconciature variavano in base allo stato sociale, al sesso e all'età. Uno schiavo non avrebbe mai potuto mostrare la stessa pettinatura di una persona libera, e la classe inferiore non avrebbe mai potuto avere la stessa pettinatura della classe superiore. C'erano, tuttavia, alcune somiglianze. Come al giorno d'oggi, la maggior parte delle persone ha cercato di seguire la stessa moda.
I bambini, ragazzi o ragazze, erano generalmente acconciati in modo identico. I loro capelli venivano rasati, lasciando solo con una lunga ciocca di capelli sul lato della testa. Questa acconciatura era legata al geroglifico che simboleggiava il bambino o la giovinezza.
Quando i bambini crescevano, i ragazzi tenevano la testa rasata e le ragazze indossavano un codino o quello che oggi si chiama coda di cavallo. Gli uomini di solito avevano i capelli corti, con le orecchie a vista. Ma a volte preferivano riccioli corti che coprivano le orecchie.
Parrucca della XVIII dinastia sotto il regno di Thutmose III, 1479-1425 aC
Nelle donne, il taglio di capelli era più sofisticato e individuale. A loro piaceva spesso avere i capelli lisci o con movimento naturale. Anche le donne nell'antico Egitto apprezzavano i ricci lunghi, ma nel periodo dell'Antico Regno preferivano un taglio a caschetto al mento.
Un gruppo di ricercatori dell'Università di Manchester nel Regno Unito ha esaminato i capelli di 18 mummie, la maggior parte delle quali risalenti al primo periodo tolemaico. Attraverso uno studio al microscopio, hanno scoperto una sostanza sconosciuta sui capelli di nove mummie. L'analisi chimica ha mostrato che è costituita da acidi grassi di origine animale o vegetale. I ricercatori sono convinti che fosse una specie di gel che gli egizi usavano per mantenere i capelli in una forma specifica. Dopo la morte, i capelli sono mummificati naturalmente.
Come per le persone di oggi, gli antichi egizi conoscevano il problema della caduta dei capelli. C'erano vari tipi di rimedi per gli uomini. Un papiro, risalente al - 1150, consigliava l'applicazione al cranio di un grasso di origine animale, sia esso proveniente da leoni, coccodrilli, serpenti, oche, gatti, capre, stambecchi o ippopotami. Per favorire la crescita dei capelli si praticavano sfregamenti a base di lattuga frantumata.
Le parrucche sono apparse per diversi motivi. Il primo era che agli egiziani non piacevano i capelli grigi o bianchi. Usavano l'henné per evitare questo problema, ma con il clima secco dell'Egitto, le parrucche sembravano una soluzione migliore. Quindi questa idea è stata considerata da molti più bella che indossare i propri capelli lunghi. Il suddetto esame delle mummie suggerisce che i capelli degli antichi egizi, specialmente quelli degli anziani, fossero in cattive condizioni.
La civetteria delle parrucche
Le parrucche erano molto popolari non solo nell'antico Egitto, ma anche in Mesopotamia, Creta, Grecia e Persia. Furono tuttavia gli egiziani a perfezionare la tecnica della loro fabbricazione. Le parrucche reali più costose sembravano capelli veri. Erano fatti di fibre vegetali come lino, lana, peli di altri tipi di animali e capelli umani tenuti insieme con cera d'api. I più economici erano realizzati con fibre vegetali, ma i reali usavano solo parrucche fatte di capelli umani. Sia per i capelli veri che per le parrucche, gli egizi usavano oli profumati come olio di abete, olio di mandorle dolci, olio di rosmarino e olio di ricino. Credevano che gli oli stimolassero la crescita dei capelli. Popolari nei tempi antichi, i semi di fieno greco sono ancora usati come rimedio per la crescita dei capelli.
Le parrucche venivano indossate quotidianamente dai membri della famiglia reale, ma anche durante i principali festival ed eventi. Le parrucche egiziane erano classicamente a forma di elmo. Alcuni sono stati ravvivati ​​in blu, rosso o verde e decorati con pietre preziose e gioielli. Alla classe benestante piaceva possedere più parrucche: più ne avevano, più alto era il loro status. Adornate con ciocche di capelli che terminano in pompon, con l'aggiunta di trecce e riccioli, le parrucche sono diventate sempre più voluminose nel tempo.
Durante l'Antico e il Medio Regno divennero molto popolari due tipi di parrucche: quelle con i capelli corti e quelle con i capelli lunghi. I capelli erano disposti in modo da rendere parzialmente visibile la fronte, con le orecchie e il collo completamente coperti.
Lo stile più classico di parrucca è la parrucca nubiana, un'acconciatura indossata in molte epoche della storia, ma particolarmente popolare durante la XVIII dinastia e durante il periodo del Nuovo Regno. Le parrucche lussuosamente decorate erano a quel tempo un potente simbolo di fertilità in connessione con quello visto sulla dea Hathor. Le parrucche conosciute da monumenti funerari, bassorilievi e statue di Kiya, Nefertiti, Tiyi e altre donne dell'epoca, ricordano in qualche modo le moderne acconciature in stile afro.
Durante il Terzo Periodo Intermedio, le parrucche erano molto grandi e pesanti. La regina Isimkheb, 9 secoli aC, indossava una parrucca così pesante che aveva bisogno dell'aiuto di assistenti per alzarsi in piedi. Oggi questa parrucca fa parte di una collezione del Museo del Cairo, fatta di capelli umani marroni tenuti in posizione da cera d'api.
Le parrucche erano realizzate principalmente da donne. I capelli utilizzati dai parrucchieri provenivano dalla clientela o venivano portati dai clienti: spesso provenivano dal cliente che avevano ordinato la parrucca, a volte venivano venduti i capelli degli schiavi.
Porta le parrucche nell'aldilà
Dopo la loro morte, le persone venivano spesso sepolte con le loro parrucche più belle. Volevano mantenere il loro aspetto di ricchezza e i loro bei capelli nell'aldilà. Grazie a questa usanza, molte parrucche sono sopravvissute fino ad oggi e sono oggetto di mostre in tutto il mondo.
Regine leggendarie come Nefertiti, Cleopatra e Nefertari [la moglie di Ramses II] erano orgogliose delle loro parrucche e venivano riconosciute come grandi bellezze. Molti di loro avevano la testa rasata e il loro aspetto famoso era dovuto in parte ai creatori delle parrucche più impressionanti del regno.

related articles

 

Poiché le guerre cominciano nelle menti degli uomini, è nelle menti degli uomini che si devono costruire le difese della Pace.

DICHIARAZIONE UNESCO

[wp_ad_camp_1]

Anche tu puoi far parte di questo progetto partecipando a creare un mondo sempre più multiculturale ed inclusivo.

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"