Omar Victor Diop racconta la storia africana attraverso la fotografia

Creato da sandrine Nguefack
Omar Victor Diop racconta la storia attraverso la fotografia

Omar Victor Diop, nato a Dakar nel 1980, è diventato fotografo professionista dopo essere stato notato alla Biennale Africana di Fotografia nel 2011. Ha proposto una serie di foto in cui beni di consumo e rifiuti sono stati riutilizzati per vestire le sue modelle, mettendo in discussione gli standard di bellezza ed eleganza.

Questa mostra intitolata “Futur du beau” gli dona notorietà con la stampa. Seguiranno altre opportunità, tra cui la rappresentazione nella galleria di Magnin-A a Parigi.

Dopo la serie “Diaspora” composta da autoritratti, rivolge il suo obiettivo verso altre cause come la modernità delle società africane e i loro stili di vita, a partire dalla serie Studio des Vanités del 2013 dove dipinge il ritratto di una generazione africana ambiziosa e urbana.

Grazie allo stile, alla scenografia e all’ispirazione tratta dai grandi fotografi africani storici come Mama Casset, Seydou Keïta e Malick Sidibé, oltre al famoso designer Jean-Paul Goude, si impegna sempre di più iniziando attirando le luci dei riflettori. A sua volta, si distingue come uno dei notabili africani che hanno lasciato il segno nella storia. Questa serie segna l’inizio di una consacrazione internazionale.

Nel 2016, la sua serie “Liberty” ha dato vita ad alcuni dei momenti salienti di questa protesta nera. Si tratta di rappresentare queste aspirazioni di dignità e libertà in tutto il mondo, come un tributo.

“L’arte che produco è un tentativo di costruire un altro ponte tra questi [gruppi di] persone che sono in realtà un unico popolo, che sono stati separati dalla storia, dalla schiavitù e dall’era coloniale”, ha affermato Diop.

“Liberty” fa parte di un corpus più ampio di opere che include la sua precedente serie “Diaspora”, girata nel 2014, che ha visto Diop interpretare i ruoli di importanti figure nere nella storia europea nello stile della ritrattistica barocca mescolata ai tessuti colorati tradizionali. Così come “Diaspora” è viva e regale, “Liberty” è pulita e oscura. Diop e la sua controparte femminile emergono da sfondi scuri. Ma mentre le scene occupano una sorta di mondo onirico, i soggetti sono radicati nelle nostre storie e nel modo in cui le ricordiamo. “Questa è un’allegoria della memoria e di come la memoria è selettiva”, ha descritto Diop. “Vedo la nostra memoria come uno spazio nero in cui le cose che vogliamo ricordare emergono di tanto in tanto”. Sito web: Omar Victor Diop

Site web : Omar Victor Diop

 

 

 

 

 

 

 

 

related articles

Abuy Area Incubatori FVG  POR FESR 2014-2020

Le projet a obtenu un financement de 72 000 € de la Région Autonome du Frioul-Vénétie Julienne à travers l'appel POR FESR 2014-2020, Activité 2.1.b.1 bis « Octroi de subventions pour le financement des programmes personnalisés de préincubation et d'incubation d'entreprises, visant à la réalisation de projets de création ou de développement de nouvelles entreprises caractérisés par une valeur significative ou par une connotation culturelle et/ou créative pertinente ». |
ll progetto ha ottenuto un finanziamento di 72.000 € dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia sul bando POR FESR 2014-2020, Attività 2.1.b.1 bis "Concessione di sovvenzioni per il finanziamento di programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa, finalizzati alla realizzazione di progetti di creazione o di sviluppo di nuove imprese caratterizzati da una significativa valenza o da un rilevante connotato culturale e/o creativo"